La sfilata Rococo’ di Jehsel Lau celebra la femminilità delle ballerine

Published On 27/06/2012 | By Veronica Voto | donna, in evidenza, video

Ballerine che sfilano danzando in body colorati ricamati o con applicazioni che ne risaltano la femminilità. Acconciature e trucco alla maniera Rococò, sottofondo di musica classica e l’emozionante voce di una cantante lirica. No, non siamo stati catapultati nel XVIII secolo, abbiamo assistito alla “Rococò Dancing with Pastels”  un evento creato per presentare la nuova collezione firmata dalla giovane stilista messicana Jehsel Lau, il 21 giugno scorso a Roma, nella suggestiva cornice della chiesa anglicana di San Paolo dentro le Mura. Una dopo l’altra, dieci ballerine, la maggior parte alunne dell’Accademia Nazionale di Danza, hanno sfilato lungo la navata della chiesa indossando body romantici, realizzati in tessuti tecnici innovativi.

 I loro movimenti erano accompagnati al pianoforte dal giovane compositore messicano Hector Manuel Salcedo e al clarinetto il musicista Manuel Tapia Olarra e dalla sorprendente voce della cantante d’opera Jessica Loaiza. L‘azienda Jehsel Lau ® Dance Clothes è specializzata proprio nella realizzazione di abbigliamento per le arti sceniche, in particolare per la danza ( dalla classica alla contemporanea). La stilista Jeshel Lau (fisico esilissimo, occhi e sorriso che trasmettono sentimenti di dolcezza e generosità) è, infatti, anche essa una ballerina e per questo motivo ha come obiettivo quello di creare una nuova moda per l’abbigliamento di queste professioniste che non vogliono rinunciare mai al loro essere donne.

Like this Article? Share it!

About The Author

Appassionata di scrittura, cinema e nuove tecnologie...Scrivo per sopravvivere e invece vorrei vivere solo scrivendo...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>