Il Murale di Milwauke alla Reggia di Caserta

Published On 14/06/2012 | By Redazione | cultura, in evidenza

La straordinaria bellezza di un luogo che da secoli attira sognanti visitatori e la colorata allegria di un capolavoro dell’arte contemporanea insieme per la prima volta fino al 4 novembre. Accade alla Reggia di Caserta dove il 2 giugno scorsa si è aperta -nel Salone dei Porti- l’esposizione del murale (lungo trenta metri e alto due metri e mezzo) realizzato da Keith Haring nel 1983 in occasione dell’apertura del Museo Haggerty di Milwaukee.

Ventiquattro  pannelli in legno a formare due pareti dipinte: sulla prima è raffigurata una sequenza ininterrotta di bambini a quattro zampe, in alto, e di cani che abbaiano (barking dogs), in basso. L’altra è più complessa e presenta una maggiore varietà di immagini. Figure danzanti ispirate ai ballerini di breakdance, ma anche il televisore con le ali, il cane, l’uomo con la testa di serpente. Il centro del murale è occupato da un ballerino che al posto della testa ha un televisore con il numero 83 disegnato sul monitor. Questo lato termina a destra con un’altra delle immagini simbolo di Haring: la faccia con tre occhi che fa la linguaccia.
“All’inizio la mia firma fu un animale – Haring racconta – che diventò sempre più simile a un cane. Poi cominciai a disegnare un bambino che andava a quattro zampe e più lo disegnavo e più è diventato The Baby”. Il percorso espositivo è arricchito da fotografie e da un video che documentano le fasi della realizzazione e dai disegni fatti da Haring per l’occasione. “In esposizione anche un’altra importante opera di Keith Haring – Senza titolo,acrilico su tela, cm 590x cm 290 -appartenente – insieme a grandi capolavori di Warhol, Rauschenberg, Beuys e di molti altri – alla Collezione “Terrae Motus”. La  raccolta, costituita dal gallerista napoletano Lucio Amelio dopo il violento sisma che devastò il Sud Italia nel novembre del 1980, è considerata oggi come una delle più importanti raccolte d’arte contemporanea conservate in un mueseo statale.

Un biglietto unico darà la possibilità al pubblico di visitare, oltre la mostra, le sale e il bellissimo parco della Reggia di Caserta, sontuosa residenza progettata dall’architetto Luigi Vanvitelli in onore del sovrano Carlo di Borbone e definita come l’ultima grande realizzazione del Barocco italiano. Inoltre fino al 16 luglio sarà possibile visitare anche la mostra di Riccardo Dalisi “Cavalieri ed oltre” allestita nelle Reali Cavallerizze della Reggia e, a partire dal 16 giugno, la mostra dal titolo “Antonio Joli tra Napoli, Roma e Madrid: le vedute, le rovine, i capricci, le scenografie teatrali” entrambe organizzate da CIVITA.

Data Fine: 04 novembre 2012
Luogo: Caserta, Reggia di Caserta
Orario: Tutti i giorni 8.30 – 19.30 La biglietteria chiude alle 19.00 Martedì chiuso
Telefono: 0823-448084 / 277380
E-mail: caserta@civitamusea.it

Like this Article? Share it!

About The Author

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>